Escursioni e natura

faro isola

In Salento ci sono svariate mete dove è possibile instaurare un intimo contatto con la natura.

L’isola di Sant’ Andrea rappresenta un patrimonio unico dal punto di vista naturalistico ed è l’ultimo sito di nidificazione del Gabbiano Corso. Tappa dei percorsi migratori dell’ avifauna, questa riserva naturale protetta, è ricca di vegetazione unica nel suo genere ed ha un elevato valore scientifico. Dall’isola si staglia il maestoso faro visibile da tutta la costa a nord di Gallipoli. Questo è stato eretto nel 1866 e da allora funge da punto di riferimento per pescherecci e barche da diporto.

A pochi km a nord c’è il Parco Naturale di “Porto Selvaggio e la Palude del Capitano”. La bellezza di questi siti sta nell’elevato grado  di conservazione, infatti nonostante la grande affluenza turistica, sono tutt’ora incontaminate.

Le misteriose grotte di Santa Maria Di Leuca sono un ulteriore meta da visitare, le più note sono La grotta del Diavolo, le Grotte di Ponente, le Grotte di Levante; sommate sono più di 15 ed hanno diverse connotazioni e grande importanza storica e archeologica.

Sul versante Adriatico ci sono altrettante bellezze naturali da visitare, fra tutte:

i Laghi Alimini, la cui profondità massima dell’acqua raggiunge i soli 4m, si trovano rispettivamente a nord di Otranto e uniti da un piccolo canale, formano dell’Oasi protetta dei Laghi Alimini.

Tortre Chianca è una meravigliosa spiaggia di sabbia bianchissima, resa unica da un corso d’acqua che sfociando in quel sito, rende l’acqua particolarmente dolce e rigenerante.

Torre dell’Orso, Porto Badisco e la Zinzulusa sono altre “tappe obbligatorie” per conoscere il Salento. Tutte sono caratterizzate dalla presenza di affascinanti grotte ricche di graffiti e segni rupestri; le loro spiagge invece, sono quelle narrate da Virgilio nell’Eneide.

In hotel è possibile programmare e prenotare gite in barca in questi ed altri luoghi.

Porto-Selvaggio_2648496k

FICHI D'INDIA